fbpx

ARTICOLI

IL NASO PERFETTO?

Naso aquilino, a becco di pappagallo, asimmetrico, alla francese, a patata, largo, piccolo, camuso, greco, gobbuto, grazioso, rotto…perfetto.


Perfetto?
Al di là degli studi scientifici sulle proporzioni ideali, nella realtà è preferibile parlare di naso adatto al volto e alla personalità. Possiamo riconoscere infatti che nasi importanti, talvolta asimmetrici, semplicemente grandi, possono rendere interessanti i volti che li portano e di frequente hanno caratterizzato e fatto il successo di personaggi famosi.
Talvolta invece un naso pur con un piccolo inestetismo ma vissuto come brutto e “ingombrante “ può rendere insicuri e schivi compromettendo l’autostima e la socialità della persona.
C’è da aggiungere che anche la recente moda dei selfie, mettendo in risalto il proprio ritratto condiviso sui social con una notevole frequenza, ha determinato un incremento quasi ossessivo dell’attenzione alla propria immagine.
Fino a non molto tempo fa per migliorare l’aspetto del proprio profilo era necessario sottoporsi ad un intervento chirurgico: la rinoplastica.
Al momento attuale si sta affermando con sempre maggior diffusione una tecnica alternativa, non chirurgica di rimodellamento estetico del naso: il rinofiller. Un trattamento di medicina estetica ambulatoriale condotto in anestesia locale, che non prevede alcuna degenza.
Questa metodica prevede l’utilizzo di filler di acido ialuronico, ed eventualmente di botox, per rimodellare profilo e forma del naso.
Se il profilo e la forma del naso non vi piacciono, il vostro Professionista di fiducia saprà consigliarvi sull’efficacia di questo trattamento per il vostro inestetismo.
Il rinofiller è infatti indicato per la correzione del gibbo (colloquialmente “gobba”) del profilo del naso, per alzare la punta qualora fosse proiettata verso il basso e per minimizzare il “naso a sella”.
Può essere utile anche nel correggere eventuali imperfezioni dovute ad una precedente rinoplastica.
Un’altra metodica non chirurgica che si sta affermando è l’utilizzo dei fili di sospensione per il rimodellamento del naso.
Al momento attuale la metodica è utilizzata principalmente per la correzione del “naso asiatico”, che presenta un ponte nasale schiacciato, un dorso nasale poco definito e la punta larga e priva di proiezione. In questo caso il trattamento combinato con fili riassorbibili di polidioxanone e filler di acido ialuronico sta quasi soppiantando le richieste di rinochirurgia.
Se l’inestetismo del profilo è piuttosto pronunciato come nel caso di un naso importante e voluminoso o nel caso in cui si associ una deviazione del setto nasale è necessario ricorrere alla rinoplastica o alla rinosettoplastica.
Ci sono due tecniche principali per eseguire l’intervento: rinoplastica aperta o chiusa. La differenza principale è che la rinoplastica aperta lascia una piccola incisione a livello della columella (subito sotto la base del naso) ma permette una miglior visione del campo operatorio, la tecnica chiusa non lascia invece cicatrici esterne ma richiede una notevole perizia da parte dell’operatore, in ogni caso sarà il vostro Professionista di fiducia a consigliarvi la metodica migliore per il vostro specifico inestetismo.
Un particolare difetto del naso è il rinofima. La rosacea causa, infatti, un’alterazione benigna ma progressiva e cronica che porta ad un ingrossamento sproporzionato del naso che appare bitorzoluto, bozzoluto ed arrossato; talvolta può determinare anche difficoltà respiratorie. Questa manifestazione interessa principalmente gli uomini di mezza età con notevole disagio psicologico. In questo caso ci si può avvalere della tecnologia laser chirurgica ablativa, una metodica sofisticata che permette la vaporizzazione delle ghiandole ipertrofiche ridonando un profilo quasi perfetto senza bisogno di ospedalizzazione.
La metodica laser frazionata può invece essere utile se la cute del vostro naso appare ispessita e con pori dilatati.
Mentre se il vostro volto si presenta spesso arrossato nella parte centrale un trattamento laser vascolare potrà rendere più chiaro e omogeneo il vostro incarnato.
Il dizionario definisce il naso come “struttura anatomica di protezione dell’organo dell’olfatto”, in realtà riveste anche una importante funzione estetica e psicologica; insieme al vostro Medico Estetico di fiducia potete con qualche piccolo accorgimento ottenere un naso gradevole che valorizzi il volto.

Articolo di
Dott. Sebastian Laspina
Dott.ssa Silvia Codogno

pubblicato su MIA Magazine

FacebookTwitterPinterest
Il naso perfetto?